Resistere a questa calda estate? Bevendo tanta acqua, come i nostri ulivi

Resistere a questa calda estate? Bevendo tanta acqua, come i nostri ulivi

Tutelare gli ulivi dal caldo torrido dell’estate

L’assenza prolungata di precipitazioni ha causato aridità nei terreni di San Patrignano in cui stanno crescendo i giovani ulivi donati da Klorane Botanical Foundation, la realtà francese che condivide con la Comunità gli stessi valori legati al benessere dell’umano e dell’ambiente.

I ragazzi del reparto coltivazioni hanno valutato la situazione attentamente assieme all’agronomo Marco Tamagnini per arginare il problema e riuscire a tutelare le piante. Di comune accordo, hanno deciso che era necessaria un’irrigazione sistematica in tutte le aree coltivate per offrire a piante e alberi il necessario nutrimento per resistere a questa calda estate.

I consigli dell’agronomo

“Anche se l’ulivo sopporta bene la carenza di acqua per periodi lunghi grazie alla sua alta capacità di adattamento – ha affermato l’agronomo – considerando le caratteristiche dei terreni di questa zona, non abbiamo voluto rischiare di esporre le piante ad un’eccessiva siccità.”

L’irrigazione estiva, infatti, combinata con il diserbo meccanico, favorisce la crescita sana delle piante.

“La quantità d’acqua da fornire agli ulivi – ha continuato Tamagnini – dev’essere definita attentamente, in modo da supplire quanto è strettamente necessario per assicurare una buona produzione e un buon ricambio vegetativo, senza incorrere in eccessi che a loro volta possono portare a squilibri vegetativi.”

Inoltre, nelle piante giovani, che hanno limitate capacità di approvvigionamento idrico a causa di un apparato radicale ancora poco sviluppato e superficiale, l’apporto d’acqua favorisce l’accrescimento della struttura del fusto e anticipa l’entrata in produzione.