“Il primo passo: preparare il terreno”

“Il primo passo: preparare il terreno”

“Un ulivo per la vita” muove i suoi primi passi. Agli inizi di ottobre la comunità ha avviato le operazione necessarie a preparare i terreni all’impianto degli ulivi. 1.000 gli esemplari donati da Klorane, attraverso Klorane Botanical Foundation, a San Patrignano, che nel giro di quattro anni permetteranno di incrementare la produzione d’olio dei 2.588 ulivi già presenti e di conseguenza i guadagni necessari all’autosostentamento della comunità. La collaborazione tra le due realtà nasce sulla base di un aspetto comune ad entrambe: il desiderio di rispettare e preservare l’ecosistema in cui vive.

Tre per ora gli appezzamenti di terra interessati dai lavori: uno dislocato vicino alla locanda Vite, di un’estensione di ca. 9.000 mq. Un altro, di ca. 10.000 mq, in prossimità dell’ingresso principale della comunità. Infine il più piccolo, ca. 3.000 mq, in un ex pascolo vicino zona Roncona. Su questi terreni è stata praticata una ripuntatura incrociata, una lavorazione che prevede l’azione sul terreno compatto mediante una serie di tagli verticali raggiungendo una profondità massima di 80 cm, e una successiva aratura superficiale. Ad opera dei ragazzi delle “Coltivazioni”, settore formativo della comunità interessato dal progetto, il diserbo e la ripulitura di un’area adiacente ad alcuni uliveti già presenti.

“Altri appezzamenti sono ancora da preparare” spiega Marco Tamagnini, uno dei responsabili del progetto, “mentre per il passo successivo, l’affinamento del terreno e lo squadro per il posizionamento, bisognerà attendere febbraio, per far si che col freddo dell’inverno la terra “faccia fiore”, si secchi cioè rendendo più facile l’impianto”.